giovedì 26 febbraio 2015

La Bussola


Sergio  Bernardini è stato un imprenditore e impresario teatrale italiano, reso celebre principalmente per il suo fondamentale contributo allo sviluppo e alla notorietà nazionale ed internazionale della Versilia, sul Tirreno toscano. Infatti egli è stato il fondatore, nel lontano 1955, del famosissimo night club La Bussola, locale che con la sua "fama" e grazie all'iniziativa di Bernardini, ha favorito in maniera determinante a far emergere la Riviera della Versilia come meta di vacanza per "vip" dello spettacolo e non solo.
Possiamo dire che il fenomeno della Bussola, è la pronta rivincita di un territorio che cinque anni prima aveva di fatto rifiutato l’organizzazione del Festival della canzone italiana, poi andata a San Remo: infatti dopo il “no” del comune di Viareggio, la città ligure dei fiori fu immediatamente disponibile ad ospitare la kermesse, riscrivendo la propria economia e il proprio futuro!
  La Bussola è stato principalmente un locale notturno, situato sul lungomare di Marina di Pietrasanta, presso la località Le Focette e, insieme alla Capannina, dettò le tendenze e la vita mondana negli anni sessanta. Fare un elenco degli artisti italiani e stranieri che si sono esibiti alla Bussola, significa spendere diverse pagine, quindi mi limito ad elencare quelli più importanti, i cui concerti sono passati alla storia della musica e dello spettacolo, oltrepassando i confini regionali e nazionali. Tra gli italiani non possono non essere menzionati musicisti e interpreti del calibro di: Renato Carosone, Ornella Vanoni, Luciano Tajoli, Fred Bongusto, Fabrizio De André, Adriano Celentano, Renato Zero, Gianna Nannini, Marcella Bella, Patty Pravo, Loretta Goggi, Milva, Mia Martini.  Tra gli artisti internazionali spiccano i nomi di Ray Charles, Juliette Greco, Ella Fitzgerald, Miles Davis, Ginger Rogers, Louis Armstrong, Marlene Dietrich, Joséphine Baker, Tom Jones, Wilson Pickett, Frankie Laine, Platters, Chet Baker! Emblematica è la vicenda legata al 31 dicembre 1968, che chiudeva un anno notoriamente turbolento, di durissimi scontri, legati alla contestazione del Movimento Studentesco, che proprio in quel contesto prese di mira la Bussola di Focette, identificata come il ritrovo della borghesia. La situazione è piuttosto tesa fin dalle prime ore della serata. Centinaia di contestatori assediano il locale in cui dovranno esibirsi Fred Bongusto e la celebre cantante inglese Shirley Bassey, con al seguito una grande orchestra. Alla carica della polizia, la protesta degenera in scontri che durano tutta la notte. L’intraprendenza di Bernardini non si fermò alla Bussola : dopo pochi anni l’impresario diede vita anche al Bussolotto, locale per vip dedicato esclusivamente alla musica jazz e in cui si esibirono più volte, tra gli altri, Romano Mussolini, Chet Baker, João Gilberto e Renato Sellani.
                                  
                                        Adriano Celentano
Ella Fitzgerald
Sergio Bernardini (avanti) con Mina
Tom Jones con Janis Joplin
Un ulteriore slancio dell'impresario fu l'inagurazione di Bussoladomani, sempre in Versilia, rivolto tendenzialmente a un pubblico più giovane, pur conservando lo stile che ha da sempre contraddistinto il marchio Bussola.  Il locale, nato nel 1976, è costituito da una tensostruttura, adatto a grandi concerti ed esibizioni maggiori. Nel primo anno il Bussoladomani fu aperto solo per i mesi di luglio, agosto e i primi giorni del mese di settembre. Più lungo il periodo del 1977, quando si svolsero anche numerose esibizioni teatrali, a partire dal mese di maggio fino ad estate inoltrata. Fu qui che nell'estate del 1978 Mina diede il suo addio alle scene con una serie di leggendari concerti rimasti nella storia della musica. Oltre a Mina, la struttura vide tra gli altri anche rappresentazioni di artisti come Barry White, Liza Minnelli, Frank Zappa, Renato Zero, Mike Oldfield, Joe Cocker, James Brown, Dionne Warwick, Gilbert Bécaud, Rockets, Gianna Nannini, Alberto Fortis, Marco Ferradini e Vasco Rossi.  Bussoladomani successivamente si sviluppò più come luogo di rappresentazioni teatrali che di eventi musicali.


Dopo aver vissuto una storia davvero straordinaria, segnando di fatto un' intera epoca, ed essere stato punto di riferimento per almeno tre generazioni, nell'agosto 2007  La Bussola venne chiusa per rumori notturni molesti. Ma il  6 ottobre dello stesso anno avviene il cambio della denominazione, in Bussola Versilia. Il locale oggi è uno dei più frequentati del panorama versiliese,  divenuto una delle mete preferite per gli amanti delle nuove tendenze legate al mondo della notte, con i più famosi deejay alle consolle. Rispetto a diversi anni fa, oggi si è dotato di una duplice veste: invernale, con due sale disposte su due piani, una dedicata alla musica house e alle nuove sonorità, l'altra più commerciale e revival, e la location estiva, con l'intera discoteca che si trasferisce tra bordo piscina, giardino e spiaggia con due piste: una commerciale, con sfumature house, l'altra revival, dedicata a un pubblico più "maturo".
Il 2 ottobre del 1993 Sergio Bernardini trovò la morte in un incidente stradale, presso Asti. Dato il suo importante contributo allo sviluppo della zona, e in sua memoria, recentemente due amministrazioni comunali della Versilia hanno voluto dedicare al celebre impresario, un lungo "viale a mare", sito nel comune Camaiore, nella zona del Lido, e  Pietrasanta, nella quale si trova una piazza a lui dedicata, nella frazione di Marina, proprio nei pressi della Bussola.


Nessun commento:

Posta un commento